febbraio 2008

a. XIV, n. 1  [77]

 

 

ANEDDOTI BERCHIDDESI

di Tonino Fresu

torna a

 FEBBRAIO 2008

S’IGNORANTONA

Antona, una proprietariedda, aiat unu pagu de pretesas. Duos fizos mascios cun su maridu, tiu Zuseppe, tribagliaian in s'azienda. e una fìza la mandein a istudiare. Aian unu teraccu de s'edade de issos mannos. Custu li naraiat Zuseppe e Antona dai meda. Infattis aiat bidu sos fizos insoro naschende.

Praticamente unu de famiglia, lu trattaian bene.

Pro malasorte sua custa unica fiza femina est ressessida a si laureare. Antona cun una fiza in domo Duttoressa, penseit una cosa sa pius fea.

Una die neit a sa zente e a su teraccu:

- Dai oe, ca apo una fìza laureada, mi devides dare su signoriu. Signora Antona!

Sutta sutta sa zente si nde riedit, ma già costaiat pagu a la cuntentare.

Sa zente dai su die li naraiat “Signora Antona”, e su teraccu puru li naraiat “S'ignorantona!”

BINU DE MISSA

Fit giaganu in sa cheja de idda tiu Ciccu Di Rau, un’omineddu trizzile, bonu, s'omine adattu a fagher su giaganu, e fìt unu bonu carnpanaru, umpare cun un’atteru, tiu Marredda.

Una die tiu Ciccu, appartende in sagristia, assazzeit su inu dai s'ampullitta. «Bonu!». A s'assazza assazza si lu buffeit totu. Mi, chi s'immentigat de che lu torrare e s'abbizzeit chi fit guasi ora de missa. Mischineddu, preoccupadu, penseit: «Be, prò una die li do unu ticcu de inu chi apo in domo, unu pagu altèru est, chissà chi Giuacchinu no si nd'abbizzet».

Babbai si esteit pro zelebrare. Tando sa missa fìt in latinu. Istrana sa cosa: totu lu faeddaian, ma nisciunu lu cumprendiat. Est bennida s'ora de sa veridade: tiu Ciccu, Babbai e sos calighes. Unu pagu a tremula, li etta cuddu inu ispuntu. Babbai si-lu buffat e narat a tiu Ciccu:

- Agrum est!

E tiu Ciccu:

- Buffalu coment'est!

Sa zente no cumprendeit, ma s'abbizzeit chi su die Babbai pieneit s'ateru calighe de abba. Signale malu!

 

MANCU MORTU

Duos amigos fin che frades, Salvadore e Giuannantoni. Fin cuntrestende de su pius e de su mancu comente si faghet, e tra issos sas burulas no mancaian. Mancu a lu fagher apposta aian unu frade peromine, unu pagu ischilibbriados, maccottos, ma sanos de totu s'ateru.

Che ruein in su cuntrestu de su cugumeddu. Piaghiat a totos duos.

- Pro me - naraiat Salvadore - est unu de sos alimentos pius isquisitos.

Ma Giuann' Antoni li neit:

- Mi piaghen sì, ma timo de essere velenosos e tando si poto nde fato a mancu de los mandigare.

Salvadore l'assigureit:

- Pro cussu no b'at paura. Nois in domo daghì lu coghimus lu damus a assazzare a frade meu, posca si no morit lu mandigamus nois. Giuannantoni, faghe asi tue puru!

E custu rispondeit:

- Est impossibile: frade meu no morit mancu si lu occhin, e tando no mi fido.

Ho bisogno

 

I versi di un giovanissimo, quando arrivano in redazione, portano sempre con sé una ventata di speranza, soprattutto quando chi scrive lo si è visto crescere sui banchi di scuola.

Così la poesia di Michele, che rimane stupito a meditare di fronte all’esplosione di un tramonto, che a Berchidda è unico, quando il sole si annulla oltre Casteddu, provoca in noi altrettanto stupore nel constatare la sensibilità del giovane poeta.

Belle immagini, che nascono dal cuore, come l’alternarsi delle aurore e dei tramonti, che generano l’illusione di una vita nuova e vera

 

Maddalena Corrias

 

Ho bisogno

di inseguire il pensiero,

che minuto per minuto,

mi perseguita.

Rimanere incantato

seduto a meditere al tramonto

immerso in una brezza leggera

che culla le mie sensazioni

trasportandole lontano.

Lontano, dove ogni pregiudizio

lascia spazio all’amore.

Cambiano le aurore, i tramonti,

brilla una speranza nuova

di trovare un giorno

l’equilibrio che ci accompagna

in una strada oscura

ai nostri occhi annebbiati

dall’ignoranza e dalla certezza

che tutto ciò che brilla

sia oro.

Michele Pinna