dicembre 2006

a. XII, n. 6  [69]

 

 

Concerto di Natale

di Giuseppe Sini

torna a

 DICEMBRE 2006

Preavviso il lettore che si appresta a leggere questo articolo che l’autore è condizionato da un indissolubile conflitto di interessi nella sua qualità di dirigente scolastico. Pertanto le considerazioni sul concerto di Natale tenuto dai bambini della scuola elementare, dalla banda musicale locale e dal Monk Quartet di Martino Meloni, Antonio Meloni, Gian Cristian Cerchi e Stefano Sanna non possono essere, e non lo saranno, distaccate o impersonali.

 

Ma come rimanere imperturbabili di fronte allo spettacolo offerto da una chiesa affollata di persone entusiaste pronte ad applaudire con calore e affetto i diversi brani eseguiti da un coro di cento bambini affiatati e ben diretti da Tiziana Nieddu.

E’ difficile allo stesso tempo non restare affascinati dall’impatto visivo determinato dalle magliette rosse dei bambini che ben si fondevano con le divise dello stesso colore dei bandisti. L’armonia cromatica sembrava voler annunciare le imminenti festività. E infine il brio e la vivacità dei bambini che riescono a contagiare i presenti infondendo nei cuori di tutti sentimenti di letizia e di gioia.

Nella parte iniziale la banda ha eseguito 3 brani nei quali si sono ben disimpegnati i solisti Raffaele Apeddu, Stefania Brianda, Agostino Casu e Domenico Delrio. E’ seguito il concerto con il coro dei bambini impegnato nell’esecuzione di alcuni classici natalizi quali Astro del ciel, Tu scendi dalle stelle, Happy Cristmas, Bianco Natal, Din Don Dan, Domani è festa.

I musicisti hanno accompagnato con discrezione i brani eseguiti assecondando la freschezza, la genuinità e l’armonia delle voci. Al termine un’ovazione ha sottolineato la validità di un’iniziativa che merita di essere replicata ogni anno per i valori e i significati che da essa derivano: creare attraverso l’attività musicale un clima educativo nel quale i bambini respirano serenità e gioia, cooperano costruttivamente con i compagni e con gli adulti e vivono positivamente il loro ambiente di apprendimento.